Speciale – Assassin’s Creed Valhalla – Come sarà interpretare il vichingo Eivor?

Assassin’s Creed Valhalla – Speciale Eivor – Alessia Lara Padawan

Nel corso della ormai lunga serie di Assassin’s Creed, i protagonisti dei vari giochi della serie sono stati un variegato assortimento di improbabili eroi: ladri, bucanieri, rivoluzionari e, naturalmente, assassini.

 

Usando una miscela di astuzia, spavalderia e forza diretta, questi improbabili salvatori si sono opposti alle macchinazioni dei Templari attraverso la maggior parte dei principali periodi di tempo della storia della Terra.

Hanno guidato rivoluzioni, liberato schiavi, combattuto nelle guerre e difeso gli innocenti dagli invasori e coloro che avrebbero cercato di sfruttarli. 

E mentre questi protagonisti spesso devono rivolgersi a tattiche subdole per invertire la tendenza, il fine giustifica sempre i mezzi.

Nel prossimo Assassin’s Creed Valhalla, che verrà lanciato alla fine di quest’anno, interpretiamo Eivor, un vichingo norvegese intento a devastare e saccheggiare le fertili terre dell’Inghilterra sassone in cerca di ricchezza e schiavi nel nome della loro mano insanguinata, delle loro divinità pagane e, naturalmente, della loro gloria personale.

Uno di questi non è come gli altri.

Per la prima volta nella serie, noi come giocatori, vedremo questo nuovo mondo di gioco dal punto di vista dell’aggressore, dell’invasore, del colonizzatore e dello schiavo.

In Assassin’s Creed Valhalla, giocheremo dal punto di vista di una persona che potrebbe facilmente essere vista come il cattivo in un altro gioco, e che è abbastanza in contrasto con le cause più nobili dei precedenti protagonisti.

È una prospettiva unica con la quale sono pienamente d’accordo. L’era vichinga è piena di potenziale narrativo e Ubisoft è il migliore in termini di sviluppatori quando si tratta di dare vita a mondi antichi. 

È un’era che ha ricevuto molta attenzione nei media negli ultimi anni, con le due serie Netflix di grande successo, Vikings e The Last Kingdom, entrambe ambientate nello stesso periodo di tempo.

Questo è interessante perché la rappresentazione principale dei Vichinghi è ironica.

Ci si aspetta che facciamo il tifo per personaggi come Ragnar Lothbrok (il protagonista di Vikings, ora su Netflix), spesso raffigurati come guerrieri tosti, forti e autosufficienti, che trascorrono la maggior parte del loro tempo a fare cose decisamente non eroiche.

Vichinghi come Ragnar commettono azioni terribili per motivi egoistici e noi, come pubblico, ci rallegriamo perché i Vichinghi sono oggettivamente fantastici, a prescindere dal perchè facciano determinate cose.

Non ho nulla da eccepire su Ubisoft per aver scelto di seguire questa rappresentazione mainstream, in quanto è saldamente affermata nella cultura pop contemporanea, ed è quella che funziona, anche se non è del tutto accurata. 

Eivor, che può essere maschio o femmina, è mostrato nei trailer di gioco e nelle opere d’arte principali dove indossano tutte le decorazioni dei tipici vichinghi; ascia in mano, capelli biondi con trecce, urla di sfida selvaggia.

Ma come sarebbe una rappresentazione realistica? Vale la pena approfondire perché, come spesso accade nella storia, la verità è più affascinante della finzione.

Il termine vichingo si riferisce specificamente ai popoli nordici più avventurosi (a volte indicati come norvegesi) della Scandinavia meridionale, un paesaggio aspro e bellissimo che oggi è occupato dalle nazioni moderne di Danimarca, Norvegia e Svezia. 

Un vichingo, in particolare, era un norvegese che lasciò la sua terra natale per cercare scambi o saccheggiare in tutta Europa, il che significa che tutti i vichinghi erano norreni, ma non tutti i norreni erano vichinghi!

Questi norvegesi erano un popolo disparato legato da una lingua comune (il vecchio norreno), e la loro cultura era molto più avanzata e sviluppata di quanto la loro immagine di cultura pop avrebbe fatto credere.

I norreni erano commercianti e diplomatici esperti e le donne norvegesi godevano di una notevole libertà sociale (per l’epoca). Le navi vichinghe erano le navi più avanzate dell’epoca e alcune delle tecniche utilizzate nella loro costruzione sono ancora oggi utilizzate dai moderni progettisti di navi.

Le teorie moderne sul perché i Vichinghi irruppero sul palcoscenico mondiale durante l’Alto Medioevo (un periodo un tempo noto come Medioevo, ma gli storici si stanno allontanando da questo termine) sono numerose quanto le navi-drago che li accompagnavano.

Queste vanno dalla ricerca di nuove rotte commerciali all’esplorazione, alla necessità di catturare donne prigioniere al fine di invertire gli effetti sociali dell’infanticidio femminile, una pratica che era comune durante gli anni più magri in molte culture, incluso quella norvegese.

Gli schiavi alimentavano l’economia norrena e la loro presenza era cruciale, da qui l’impulso per le incursioni.

Conosciute come schiave, queste sfortunate anime fecero la maggior parte del lavoro manuale delle società norrene, lasciando ai liberi professionisti (Karls) e ai nobili (Jarls) il tempo libero per dirigere l’equipaggio e condurre spedizioni ancora più impegnative.

Donne e bambini erano particolarmente apprezzati e la maggior parte delle famiglie ne aveva uno o due, specie nelle famiglie più ricche.

Mentre la schiavitù è una cosa mostruosa in tutte le sue forme, la schiavitù nella società norrena era leggermente differente, perchè vedeva almeno il pagamento di un salario e perchè lo schiavo poteva sperare un giorno di acquistare la propria libertà e, in alcuni casi, era persino libero in alcuni momenti della giornata.

Immagino che Ubisoft probabilmente non consentirà che i giocatori prendano attivamente gli schiavi nel gioco, ma saccheggiare gli innocenti contadini sembra essere la cosa più probabile.

Sappiamo che in Valhalla Eivor è il capo di un clan di vichinghi nordici che è fuggito dalle guerre internazionali che affliggevano la loro patria in Norvegia. Trova una casa per il suo popolo nel sud dell’Inghilterra, entrando però in conflitto con il sovrano locale, Alfred, re del Wessex, che in seguito si dichiarerà re di tutti gli anglosassoni.

Eivor sarà in grado di guidare assalti contro città e villaggi sassoni, catturare tesori e risorse e usarli per espandere ulteriormente il proprio insediamento. Sebbene meccanicamente simile alla rimozione degli avamposti in altri giochi della serie, questa volta c’è un copione più oscuro da seguire. 

Sei un invasore, un estraneo, e stai prendendo ciò di cui hai bisogno dalle persone che vivono lì.

Sarà un interessante cambio di ritmo per la serie, ma credo che Ubisoft abbia dimostrato di saper gestire abilmente il tutto.

Gli eroi sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, dopo tutto, e con la giusta messa a fuoco, Eivor potrà affermarsi e conquistarsi il suo posto nel pantheon dei protagonisti di Assassin’s Creed.

 

Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!” CANALE TWITCH