Eterea – Tutorial – Little Rocket Games

0

Eterea Tutorial – Speciale di Alessandra GdT

La principessa Eterea, nata da una lacrima di luce, generatrice di tutti gli esseri viventi, ha bisogno di noi per essere liberata dalle catene che i suoi stessi figli le hanno inflitto. Detto questo impossibile tirarci indietro, non credete?! Approfondiamo il gioco, analizziamo il regolamento e ammiriamo le fantastiche illustrazioni.

 

Un nuovo titolo in casa Little Rocket Games, giovane casa editrice italiana indipendente la quale si occupa di produrre, sviluppare, localizzare, ideare e distribuire giochi da tavolo e librigame (ricordiamo la serie di Child Wood di cui è in corso la creazione del terzo capitolo).

Con Eterea si è decisamente alzato il target del pubblico che si vuole conquistare. Stiamo parlando di meccaniche più complesse che mettono insieme un composto esplosivamente cervellotico. Rollata dopo rollata saremo noi a decidere del nostro fato sempre che i dadi ci siano amici.

La storia la faremo noi Architetti, che tenteremo di salvare la principessa, liberandola dai Boss che governano le 6 dimensioni di Acqua, Fuoco, Vento, Terra, Cosmo, Oblio. 

Eterea – Vediamo come si gioca

Inizialmente sceglieremo una pedina Architetto con i relativi 36 segnalini Requisito e 4 gemme Essenza Vitale. Poi pescheremo o sceglieremo di comune accordo, anche in base alla difficoltà decisa o al tempo che abbiamo a disposizione, quale carta Risoluzione utilizzare, su cui sarà specificato quali Chiavi e Artefatti (Anfora dell’Infinito, Scure Primigenia, Aulos dei Venti, Sfera del Tempo, Scettro Alato, Martello di Luce) ci serviranno per liberare la principessa.

Ognuno pescherà la propria carta Architetto che darà dei bonus e malus. Ora tocca alle carte Vocazione, ne sceglieremo una su tre che ci darà abilità per tutta la partita. 

Il gioco è diviso in due fasi molto diverse tra loro, si partirà preparandosi alla battaglia contro i Boss Kukulkan, Leviathan, Nebulosa Testa di Cavallo, Phanes, Agni, Sagittarius A. Dovremo dunque recuperare gli artefatti richiesti e per farlo dovremo conquistare 2 carte per dimensione. Il tempo al centro del tabellone ci darà filo da torcere, quindi non perdetelo mai di vista.

Le fasi per turno sono:

spostarsi di un ottagono libero nella dimensione su cui ci troviamo;
giocare un set di dadi tra i 3 tipi diversi disponibili, per soddisfare un Requisito di una carta da conquistare o per aprire nuove dimensioni, evocare abilità speciali o modificare Spazio, Tempo e Infinito;
giocare bonus di carte Requisito in nostro possesso (facoltativo) che possono servire per aprire una nuova dimensione (Wormhole), rilanciare un set di dati, rilanciare 4 dadi (uno per dado), cambiare faccia di 2 dadi, scudo per difenderci da un attacco del Boss, rigiocare nuovamente tutte le fasi, piazzare un Requisito a nostra scelta sulla dimensione, piazzare 2 Requisiti;
giocare un secondo set di dadi (facoltativo) basta che sia diverso da quello precedentemente utilizzato;
giocare bonus di carte Requisito (facoltativo).

Quando tutti avranno giocato il loro turno si porterà avanti il tempo di un’ora. Quando passeremo dalla quinta alla sesta e dall’ottava alla nona ora una delle dimensioni si chiuderà, invece tra la dodicesima e la tredicesima ora riattiveremo il bonus di una carta Requisito già usata. Tra la quattordicesima e la quindicesima ora riceveremo una gemma e al raggiungimento della diciottesima ora il nostro compito sarà fallito e saremo tutti fuori dal gioco.

Ci sono vari modi per dare fastidio all’avversario, potremo chiudergli una dimensione su cui si trova, oppure arrivare per primi a conquistare una determinata carta Requisito o ancora occupare spazi con i nostri segnalini per fargli perdere del tempo prezioso.

Una volta che avremo almeno 8 carte Requisito e di tutti gli Artefatti necessari, saremo pronti per entrare nella zona calda dei Boss!!!

Qui le fasi cambiano:

spostarsi da un Boss appena sconfitto ad un altro (facoltativo);
giocare set di dadi neri dimensionali per arrivare al prossimo Boss non adiacente (facoltativo);
costruire il nostro set di dadi che serviranno per sconfiggere i nostri nemici mischiandoli tra loro;
giocare bonus di carte Requisito (facoltativo).

La regola generale del lancio di dadi in tutto il gioco è mettere da parte uno o più dadi anche se a volte potrebbero non essere utili al vostro scopo e continuare a lanciare i restanti fino a terminare i lanci. Solo i Boss ci infliggeranno ferite con dadi messi da parte che non ci servono, facendoci perdere gemme Essenza Vitale ad ogni colpo.

Vittoria

Vincerà il primo Architetto che avrà recuperato tutte le Chiavi e Artefatti richiesti dalla carta Risoluzione liberando così la principessa Eterea e salvando l’universo intero.

Sconfitta

Saremo perduti, e con noi la principessa e l’universo, se i Boss ci avranno inflitto più ferite di quante gemme Essenza Vitale avremo in nostro possesso o se supereremo la diciottesima ora.

Potrebbe sembrare un pochino ostico, effettivamente ha un certo livello di complessità che sarà facilitato una volta imparate le combinazioni necessarie, non ci vorrà molto perché saranno ben visibili ai 3 lati del tabellone.

Ogni azione è legata al puro e primitivo divertimento del lancio dei dadi.

Da sottolineare l’aria mitologica che si respira con le raffigurazione e con le citazioni a veri divinità di culture tra induista (Agni), azteca (Kukulkan), alla divinità primigenia (Phanes); l’accorto richiamo al buco nero della via lattea (Sagittarius A), l’utilizzo di un terribile mostro marino biblico (Leviathan) e la sagace idea di far diventare una nebulosa della costellazione di Orione un Potente in carne ed ossa (Nebulosa Testa di Cavallo).

Credo che vedendo queste illustrazioni non si potrà che rimanerne ammaliati grazie all’abile penna di Marco Salogni con cui la casa produttrice ha più volte collaborato.

Partiamo in questo spaziale viaggio tra dimensioni e wormhole… buona fortuna, che il bagliore di Eterea vi accompagni.

Ideato da Giampaolo Razzino
Edito dalla Little Rocket Games
Giocatori 2-4
Età consigliata 12+
Durata partita 60-90min  

 

About author

Alessandra Canini

Un’inconsueta “desperate mom housewife”; avida consumatrice di Giochi da Tavolo, librigame, LEGO, Serie TV e Blockbuster. Vive nella campagna romana da dove riesce a vedere la Contea. Rossa per scelta… tutta colpa de La Sirenetta! Assidua frequentatrice della cittadina di Arkham nel Massachusetts.