Halo Reach su PC – Ecco i dettagli

0

Halo Reach PC – news di Pietro “OnlyApples” La Selva

Halo: Reach è ora disponibile su PC grazie alla Master Chief Collection. Microsoft ha condiviso diversi dettagli per preparare i giocatori al lancio.

 

Halo: Reach è stato rilasciato, su Steam e su Windows Store, alle ore 10 del 3 Dicembre (ora del Pacifico), che si traducono per le ore 13 a New York, le ore 18 a Londra e le ore 21 a Mosca. Inoltre, è in uscita alle ore 03 a Tokyo e alle ore 05 a Sydney il 4 Dicembre.

Nessun pre-download:

Microsoft ha confermato che la versione PC di Halo: Reach non supporterà la funzione di pre-download nè su Steam nè su Windows Store. Nonostante ciò, su Steam sarà possibile utilizzare la funzione di download in remoto nel caso in cui doveste essere a scuola o al lavoro nell’orario di uscita. 

Come comprarlo:

Halo: Reach costa 9,99€ su Steam e Windows Store. Le modalità Forgia e Teatro non sono disponibili al lancio ma veranno rilasciate nel corso del 2020. Halo: Combat Evolved Anniversary, Halo 2 Anniversary, Halo 3, Halo 3: ODST e Halo 4 verranno pure rilasciati in futuro, acquistabili stand-alone o comprando un pacchetto che li include tutti.

I possessori di Halo: The Master Chief Collection su Xbox One possono giocare al multiplayer, alle partite personalizzate, alla Forgia ed al Teatro gratuitamente. La campagna e le modalità Firefight potranno essere acquistate per 9,99€ al lancio su Xbox One. Gli iscritti all’Xbox Game Pass, su Xbox One e PC, riceveranno tutti gratuitamente il giorno dell’uscita.

Cross-play:

Lo scorso Ottobre Microsoft aveva annunciato che Halo: Reach avrebbe supportato il cross-play tra la versione Steam e la versione Windows Store. Ma non ci sarà nessun cross-play tra la versione PC e quella Xbox One. “Questo è un qualcosa che il team valuterà a tempo debito,” ha detto Microsoft.

Fonte: Gamespot

 

About author

Pietro La Selva

Il suo vero nome è Pietro, è del '94 ed è appassionato di videogiochi e di altre forme di intrattenimento, come film e libri, soprattutto a tema fantascientifico. Insomma, il classico nerd ma senza il QI sopra la media. Si nutre di mele pixellose quasi ogni giorno, che di certo non gli levano il medico di torno.