Ali Wong – La realtà virtuale è come la Marijuana… Provatela!

0

Realtà Virtuale Marijuana – news di Valerio Vega

Ali Wong attrice comica nota al pubblico (soprattutto statunitense) per la sua comedy standup, e per aver recitato nel film di Netflix “Finchè forse non vi separi“, all’inizio di quest’anno ha partecipato ad un diverso tipo di progetto: il film interattivo di realtà virtuale (VR) di Baobab Studio, In cui ha dato la voce ad uno dei robot, amico di un esploratore spaziale. La Wong ha dato delle informazioni generiche sulla sua idea in merito alla realtà virtuale… Leggiamo cosa ha detto!

 

Per celebrare l’uscita di Bonfire, questo il titolo del film interattivo per il PlayStation VR di Sony, la Wong ha recentemente parlato a Variety del suo lavoro sul progetto e dei suoi pensieri sulla VR in generale.

La Wong ha ammesso di non avere avuto molta esperienza con la realtà virtuale prima di collaborare con Baobab Studios . “Nel corso degli anni ho visto molta pubblicità sulla realtà virtuale e penso che sia un nuovo mezzo entusiasmante, anche se il mio reale convolgimento è stato minimo”, ha confessato. “Mio marito è un giocatore, quindi ho provato la realtà virtuale con lui, ma nulla di più di questo.”

Bonfire è un’esperienza VR narrativa, sebbene con molta interattività. La trama mette lo spettatore nel ruolo da protagonista di un esploratore dello spazio che atterra con la sua astronave su un pianeta sconosciuto. A questo punto ci sarà l’interazione con Debbie (il robot doppiato dall’attrice) e con un simpatico mostro che emerge dal bosco, e alla fine costringe anche lo spettatore a prendere una decisione sul futuro del pianeta e di tutti i suoi abitanti.

“Rendere lo spettatore parte della storia è stato molto interessante per me”, ha detto la Wong. “Era davvero diverso da qualsiasi altra cosa che abbia mai fatto in vita mia.”

Ali Wong ha già doppiato personaggi per spettacoli animati e film in passato. “Adoro il doppiaggio”, ha detto a Variety. “Uno dei miei progetti preferiti che abbia mai realizzato è (lo spettacolo animato di Netflix) Tuca & Bertie. Mi dà la possibilità di interpretare personaggi in cui la gente non mi vedrebbe mai, perché divento più vulnerabile e recito calandomi in una sorta di mondo fantastico ”.

L’attrice ha affermato che la sua recitazione per Bonfire è stata totalmente diversa dai progetti precedenti a causa della natura interattiva del film. Poiché gli spettatori possono influenzare la trama ed interagire attivamente con un personaggio, ha infatti dovuto registrare molto più materiale. “Molte frasi che lo spettatore potrebbe non sentire mai, e talvolta fino a 30 variazioni per ogni situazione, ho pensato che fosse pazzo”, ha ricordato.

La Wong ha inoltre aggiunto che la sceneggiatura dell’opera è stata scritta per adattarsi a persone di ogni età e che a differenza del suo stile reale, di quando lavora nel suo show personale, il personaggio di Debbie è molto compassionevole e affettuosa, ed inoltre non parla mai di sesso.

Alla domanda su cosa pensa della realtà virtuale dopo aver lavorato a questo progetto la Wong ha risposto: “Prova la realtà virtuale. È come la marijuana. È il futuro!”

Cosa ne pensate? Sono due cose paragonabili?

Fonte: Variety

 

About author

Valerio Vega

Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo commodore64”