Dataminer di Fallout 76 bannato dopo aver svelato un glitch/exploit

0

Dataminer Fallout 76 bannato – news di Pietro “OnlyApples” La Selva

Non è rimasto impunito ciò che un utente di Fallout 76 ha fatto, ovvero svelare e riportare un glitch/exploit per farmare più velocemente armi leggendarie. L’utente in questione è stato bannato da Bethesda il giorno seguente.

 

Si tratta del creatore di Map76, una mappa contenente ogni oggetto, risorsa, deposito, ecc in Fallout 76, che ha scoperto il modo di far accettare ad un particolare venditore all’interno del gioco normalissimi tappi invece di scrip, una valuta ottenibile solo riciclando armi leggendarie.

Dopo aver riportato direttamente a Bethesda l’exploit e dopo averlo testato, ri-testato e confermato, l’account dell’utente è stato bannato. Il ban dura ormai da un mese, senza spiegazione alcuna per l’utente. Inoltre, la sua richiesta di risarcimento per un abbonamento a Fallout 1st è stata negata in quanto ha spento la valuta atoms nei negozi del gioco.

Il sito di Map76 è stato temporaneamente chiuso dall’utente, che dichiara dipenda da Bethesda se riaprirà o meno:

“Più tempo aspetto che il servizio di supporto al cliente di Bethesda mi risponda, meno fiducia nutro nella loro abilità di tenersi stretta la loro base d’utenza. Non penso sia un problema degli sviluppatori o dei manager, quanto del servizio di supporto in sè. Dovrebbero davvero dare importanza a ciò e fare un cambio di rotta netto. Tutte queste cose che mi sono successe sono sintomi di una gestione problematica. Prendere uno sciroppo potrà aiutare a far passare la tosse, ma non curerà l’influenza.”

Fonte: MassivelyOP

 

About author

Pietro La Selva

Il suo vero nome è Pietro, è del '94 ed è appassionato di videogiochi e di altre forme di intrattenimento, come film e libri, soprattutto a tema fantascientifico. Insomma, il classico nerd ma senza il QI sopra la media. Si nutre di mele pixellose quasi ogni giorno, che di certo non gli levano il medico di torno.