Hermen Hulst di Guerrilla Games è il nuovo responsabile PlayStation Worldwide Studios

0

Hermen Hulst – news di Andrea “Kobla” Panicali

PlayStation ha nominato il direttore generale e co-fondatore di Guerrilla Games, Hermen Hulst, come nuovo capo di Worldwide Studios.

 

Gestirà tutto lo sviluppo dei giochi Sony nei suoi 14 studi interni.

Nel frattempo, il presidente uscente di Worldwide Studios, Shuhei Yoshida, lascerà il suo ruolo attuale per guidare una nuova iniziativa che si occuperà di curare studi esterni più piccoli ed indipendenti.

Le modifiche fanno parte della ristrutturazione di Sony Interactive Entertainment in vista del lancio di PS5. Arriva anche un mese dopo la partenza di Shawn Layden.

Parlando con GamesIndustry.biz, il CEO e presidente di PlayStation Jim Ryan ha affermato che Hulst mostrerà che la Sony sta pensando molto a livello globale passando alla generazione successiva di console. “Hermen è un europeo che prenderà uno dei principali uffici di PlayStation”, ha detto. “Penso che tutti in Europa dovrebbero essere elettrizzati, felici e orgogliosi di ciò che sta accadendo”. Ha continuato in una dichiarazione:

“Hermen è uno dei leader più efficaci e rispettati nel settore dei videogiochi. È un appassionato sostenitore dei team che guida, e capisce come potenziare il talento creativo per costruire grandi esperienze. Non ho dubbio che Hermen possa guidare i nostri team a offrire esperienze avvincenti e diversificate a cadenza costante “.

Guerrilla è meglio conosciuto per la serie Killzone e Horizon: Zero Dawn, e di recente ha lavorato con Kojima Productions su Death Stranding. Al posto di Hulst, Angie Smets, Jan-Bart van Beek e Michiel van der Leeuw subentreranno come capi dello studio congiunto a Guerrilla.

Hulst ha dichiarato:

“Ho lavorato a stretto contatto con PlayStation e l’intera famiglia Worldwide Studios dal 2001 e ho il massimo rispetto e ammirazione per il talento creativo e le idee ambiziose all’interno della rete di studi negli Stati Uniti, in Europa e in Giappone”.

La nuova posizione di Yoshida fa parte di una nuova iniziativa che “celebra gli sviluppatori esterni che stanno creando esperienze nuove e inaspettate”. Riferirà direttamente a Jim Ryan.

“Tutti sanno quanto Shu sia appassionato dei giochi indipendenti: sono la linfa vitale del settore, rendendo il nostro portafoglio di contenuti così speciale per i nostri giocatori”, ha affermato Ryan.

“Queste esperienze creative meritano attenzione e un campione come Shu alla PlayStation assicurerà che l’intera organizzazione SIE lavori insieme per interagire meglio con sviluppatori indipendenti, attraverso una cultura di supporto e celebrazione dei loro contributi alle piattaforme PlayStation.”

La notizia arriva come una lettura promettente per la comunità indie. Negli ultimi 12 mesi, alcuni studi indipendenti hanno espresso un po’ di preoccupazione, lasciando intendere che PlayStation volesse ridimensionare il suo supporto con gli sviluppatori più piccoli. Tuttavia, Ryan insiste sul fatto che gli indie sono sempre rimasti importanti per la piattaforma.

“Riteniamo che non sia una questione di ritornare agli indie, perché sentiamo di non esserci allontanati. Vorrei solo sottolineare la quantità di impegno che PlayStation ha fatto con quella community nel corso degli ultimi tre-cinque anni nello spazio della realtà virtuale. Le persone tendono a dimenticarsene, ma la quantità di coinvolgimento indipendente con la realtà virtuale è davvero molto significativa. Siamo molto attivi con loro, siamo stati impegnati con le risorse umane, siamo stati finanziariamente di supporto, abbiamo condiviso esperienze mentre le persone iniziano a imparare cosa rende un’esperienza VR fantastica. Penso che siamo sempre stati lì con gli studi indie, e quanto fossero affascinati e coinvolti con la realtà virtuale; è stato allora che abbiamo aumentato il nostro impegno con loro. Quindi il nostro lavoro con la comunità indipendente è rimasto ai livelli che era all’inizio giorni di PS4 “.

Fonte: gamesindustry

 

About author

Andrea Panicali

Proveniente dalle onde marittime di Roma, o meglio Ostia, è un grande appassionato di videogiochi, serie tv, film e libri thriller. Cresciuto a suon di pizza, pasta e videogiochi, si è guadagnato il soprannome di Bistecca per un motivo, che non è di certo la sua snellezza. CANALE TWITCH