Sony dovrebbe cambiare il Plus su PS5

0

Plus PS5 – news di Andrea “Kobla” Panicali

Con l’attuale generazione di console in dirittura di arrivo e ogni produttore di console focalizzato sul futuro, Sony ha molte opzioni per PS5.

 

Può aggiungere una completa retrocompatibilità con tutte le console Sony precedenti, espandere l’interattività online o rinunciare completamente ai dischi e creare una piattaforma completamente digitale. L’unica cosa che dovrebbe cambiare, tuttavia, è PlayStation Plus.

Come abbonamento premium introdotto nel 2010, il programma inizialmente è stato lanciato come un modo, per i fan di PS3, di ottenere di più dalla loro esperienza online. Fu revisionato alcuni anni dopo durante l’E3 2012. Invece di includere giochi gratuiti per PS1, Sony stava facendo uno sforzo per distribuire titoli PS3 e alcune nuove versioni per incentivare gli utenti a registrarsi. Ciò è servito anche al lancio di PS4.

Con PS4 infatti Sony ha cambiato di nuovo PlayStation Plus. Invece di essere semplicemente un servizio extra opzionale, è diventato un acquisto obbligatorio per giocare al multiplayer online. A quanto pare ispirandosi al servizio Xbox Live di Microsoft, gli utenti passati alla successiva generazione ora dovevano considerare un costo aggiuntivo se intendevano trascorrere del tempo online.

Mentre il servizio ha funzionato bene per Sony, c’è stato un fastidioso reclamo da quando è arrivato su PS4: perché tutti i giochi gratuiti sono così scialbi? Negli ultimi anni la qualità è probabilmente diminuita.

È anche incredibilmente spaventoso il modo in cui i giochi PS3 e PS Vita sono stati abbandonati all’inizio del 2019. A parità di costi, i clienti paganti ora stanno ottenendo meno per i soldi spesi.

Quanto sarebbe incredibile vedere Sony abbandonare PlayStation Plus per PS5? Invece di tenere in ostaggio i privilegi online, Sony potrebbe ottenere un enorme vantaggio sulla concorrenza tornando al regno del multiplayer online gratuito. Sebbene ciò non risolva immediatamente i problemi con Plus, farebbe giungere più persone sull’hardware di Sony. Da lì, la società potrebbe quindi revisionare Plus per renderlo molto più allettante per gli utenti. Potrebbe aumentare il numero di giochi PS4 a tre e portare tre giochi PS5 al loro fianco.

Se la completa compatibilità con le versioni precedenti non è possibile con l’hardware PS5, è necessario aggiungere un abbonamento al servizio PlayStation Now oltre al Plus. Gli utenti possono quindi integrare le loro librerie PS3 con accesso digitale ai giochi che potrebbero già possedere. Potrebbe anche essere interessante consentire l’uso di dischi PS3, anche se ciò potrebbe rivelarsi un blocco delle funzionalità essenziali dietro un paywall. Simile a come Nintendo ha fornito giochi originali gratuiti con il suo servizio, Sony dovrebbe anche cercare di creare nuove esperienze che gli utenti Plus possano ottenere gratuitamente.

Perché non creare un nuovo Twisted Metal e renderlo un’esclusiva Plus? Se è troppo si può sempre tornare all’idea di distribuire classici PS1 con la sottoscrizione. Qui c’è molto che Sony può fare con il suo catalogo.

Ancora più importante, però, è che Sony deve fare qualcosa di speciale per dare slancio alla PS5.

Con i dati attuali che mettono gli abbonati Plus a circa 36,9 milioni, nemmeno la metà della base di utenti PS4 ha un abbonamento a pagamento.

Trentasei milioni non sono pochi, ma quel numero potrebbe aumentare se gli incentivi fossero onestamente migliori.

Bloccare qualcosa come il gioco online dietro una commissione non è mai un buon segno. Poiché gli utenti tendono a essere più interessati ai servizi che offrono loro giochi gratuiti anziché il mero gioco online, sarebbe prudente che Sony si concentrasse maggiormente su questo aspetto per PS5. Se non altro, cambiare il Plus farà sicuramente eccitare ancor più le persone per l’arrivo della prossima generazione.

Fonte: thegamer

 

About author

Andrea Panicali

Proveniente dalle onde marittime di Roma, o meglio Ostia, è un grande appassionato di videogiochi, serie tv, film e libri thriller. Cresciuto a suon di pizza, pasta e videogiochi, si è guadagnato il soprannome di Bistecca per un motivo, che non è di certo la sua snellezza. CANALE TWITCH