Vampire: The Masquerade Bloodlines 2 rinviato al 2020

0

Bloodlines 2 rinviato al 2020 – news di Pietro “OnlyApples” La Selva

Nel mondo dei videogiochi i rinvii sono una sfortunata ma inevitabile realtà nel caso in cui gli sviluppatori abbiano bisogno di tempo extra per ottimizzare il proprio gioco. Ed è quanto accaduto anche a Bloodlines 2.

 

Per quotare Shigeru Miyamoto “Un gioco rinviato potrebbe rivelarsi buono, uno uscito troppo presto è un fallimento certo”. Gli sviluppatori di Hardsuit Labs sembrerebbero essere d’accordo con questa teoria, avendo deciso di rinviare l’attesissimo Vampire: The Masquerade Bloodlines 2 al 2020.

Secondo quanto scritto sull’ultimo post del dev blog del titolo, infatti, Bloodlines 2 non riuscirà ad uscire nel primo quarto del 2020. Il team ha ancora in mente il medesimo anno per l’uscita, ma hanno ritardato la data precisa.

Una delle maggiori ragioni di questo avvenimento è la pulizia generale del gioco. Il post sul blog precisa che se avessero affrettato lo sviluppo di Bloodlines 2, il titolo non sarebbe stato ripulito in tempo per l’uscita. Insomma, la storia del primo Bloodlines si sarebbe ripetuta.

Il primo capitolo fu infatti sviluppato di fretta per andare incontro alla data d’uscita pattuita, e sebbene sia un titolo osannato per quanto riguarda trama e meccaniche, è anche famoso per essere infarcito di bug.

“C’è un chiaro intento di evitare gli stessi problemi che hanno plagiato il primo capitolo, che è stato rinomatamente rilasciato troppo presto,” annuncia il post riguardo al rinvio. “Negli ultimi mesi ci siamo resi conto che se avessimo tentato di uscire entro la data originaria, avremmo rischiato di ripetere quell’errore. Non succederà. Tutti nel team vogliono offrirvi il miglior Bloodlines 2 possibile.”

Il primo Bloodlines è giocabile con tanto di fan patch (compresa nella versione GoG), ma per Bloodlines 2 il team di sviluppo preferirebbe evitare di scomodare la fanbase per avere una buona versione del gioco.

Fonte: Twinfinite.com

 

About author

Pietro La Selva

Il suo vero nome è Pietro, è del '94 ed è appassionato di videogiochi e di altre forme di intrattenimento, come film e libri, soprattutto a tema fantascientifico. Insomma, il classico nerd ma senza il QI sopra la media. Si nutre di mele pixellose quasi ogni giorno, che di certo non gli levano il medico di torno.