The Last of Us Parte II presenta due features incredibilmente immersive

The Last of Us II Features – news di Valentina “AkemiMas” Malara

The Last of Us Parte II presenterà due features atte ad aumentare notevolmente il livello di immersività che il nuovo titolo PS4 vuole proporre al suo pubblico!

 

La prima di queste due caratteristiche è che ogni personaggio in-game, tra umani, infetti, cani e forme di vita, avrà un suo modo di respirare che Naughty Dog potrà tracciare e tradurre in dirette conseguenze: questo vuol dire che se saremo quieti, il nostro respiro e conseguente battito cardiaco saranno molto bassi e ci permetteranno di mettere in atto le sezioni stealth; al contrario, in caso di corse frenetiche, il respiro sarà accelerato e anche se ci dovessimo fermare, per un po’ la respirazione proseguirà in modo agitato, impedendoci di essere silenziosi.

“Ellie avrà un battito cardiaco che potrà aumentare e diminuire” spiega Anthony Newman, co-director del gioco, in un’intervista a Polygon, “aumenterà quando correrete, schiverete, prenderete danno o vi accorgerete di una presenza nemica. Questo aumento porterà a modulare il tipo di respirazione che Ellie attuerà, rendendola più rumorosa o in caso contrario, meno rintracciabile. La stessa cosa avviene con le altre forme di vita e giocare a gatto e topo con i Clicker è ancora più bello adesso, perché si possono rintracciare già dal modo in cui respirano, così come gli umani!”

La seconda caratteristica è invece la presenza di un nome per ogni personaggio in-game, cani compresi. Questo, per esempio, comporterà che se durante una fase stealth vi ritroverete ad uccidere un cane e poi quest’ultimo verrà trovato dai suoi proprietari, questi faranno notare la sua morte al gruppo dicendone il nome. Questo è un piccolissimo dettaglio, ma ci fa capire la cura e l’impatto emotivo che Naughty Dog vuole trasmettere al videogiocatore!

“Penso che il gioco sia in un certo senso una conversazione sul ciclo della violenza e man mano che giochi ti rendi conto di quanto la vendetta abbia dei costi tremendi, non solo per le persone oggetto di vendetta ma anche per il giocatore stesso” dice Newman, questa volta a GameSpot, “e penso sia molto interessante giocare con i nostri NPC dotati di nomi. Ogni nemico umano ha un nome e parlano fra loro tramite questi nomi, scambiandosi informazioni e coordinate e urlando il nome di chi dovesse morire, se lo trovano”.

Newman continua:

“Questo rende chiaro come non siano semplicemente delle figure contro cui scontrarsi. Sono persone reali che tengono l’una all’altra e voi, giocatori, uccidendone uno, state facendo del male a qualcuno di concreto. Penso che questo sia uno dei vantaggi del videogioco in quanto media, non state filmando l’atto, lo state compiendo, e questo porta a dei costi in termini di umanità!”

The Last of Us Parte II uscirà il 21 Febbraio 2019, in esclusiva su PlayStation 4.

Fonte: comicbook.com

 

Valentina Malara
Amante di videogiochi e libri fin dalla nascita, ha poi sviluppato una grande passione per tutto ciò che è nerd. Originaria della terra del bergamotto e del piccante, vanta radici nordiche niente male e ha una passione irrefrenabile per il mondo animale. Logorroica e amante delle discussioni costruttive, datele un argomento di conversazione a vostro rischio e pericolo!