Il CEO di Gearbox Randy Pitchford accusato di molestie

0

Randy Pitchford – news di Andrea “Kobla” Panicali

Il CEO di Gearbox Randy Pitchford continua a essere coinvolto in controversie legali derivanti da una serie di accuse mosse contro di lui negli ultimi mesi.

 

Wade Callender, ex consulente legale di Gearbox, ha presentato una mozione martedì davanti al tribunale distrettuale della Contea di Dallas (Texas) per molestie ed ha chiesto un risarcimento contro Gearbox, sostenendo di aver “scoperto abusi” e mancata produzione di determinati documenti ordinati dal tribunale.

Questa è l’ultima vicenda di una lunga battaglia legale tra Pitchford e Callender. È iniziato con un deposito di Gearbox a novembre 2018, in cui si afferma che Callender “sfrutta la generosità e la fiducia di Gearbox per il proprio guadagno personale”. Callender ha risposto un mese dopo, accusando il CEO di Gearbox di aver molestato l’ex consigliere generale della società a causa della sua fede cristiana. L’accusa ha anche accusato Pitchford di aver ricevuto un bonus “segreto” da 12 milioni come anticipo sui canoni e di aver ricavato profitti da Gearbox per finanziare “festini” dove ospiti maschili adulti “si sarebbero esposti a minori, per il divertimento di Randy Pitchford”. Dieci giorni dopo il deposito, Gearbox ha citato Callender per frode e violazione del dovere fiduciario.

“Callender crede di poter dimostrare che GBX (Gearbox) e i loro avvocati continuano a violare l’ordine di questa Corte e nascondere i documenti”, si legge nell’archivio più recente. “Quando è troppo è troppo e GBX deve essere sanzionata per questo comportamento.” Ciò segue mesi e mesi di controversie legali tra le due parti. Callender ha preso parte ad una serie di otto interrogatori nel Febbraio di quest’anno, a cui lo sviluppatore di Borderlands ha risposto a Marzo con un documento di una pagina. Callender ha dichiarato una mancanza in questa risposta e ha richiesto un emendamento. Dopo una settimana senza risposta, Callender ha presentato una mozione per costringere Gearbox a rispondere alla lettera di richiesta. Gearbox ha accettato di fornire risposte interrogative modificate entro il 3 Luglio, ma una proroga successiva di 30 giorni l’ha rinviata al 2 Agosto.

Quando è arrivata l’ultima scadenza, Gearbox ha fornito la sua risposta, che includeva la corrispondenza testuale tra Pitchford e un “membro della stampa con cui aveva un podcast” in cui i due discutono di un’unità USB. Durante la conversazione, Pitchford ha detto che l’unità USB conteneva “pornografia a malapena legale”. Non sorprende che GBX non volesse divulgare questo documento molto rivelatore “, afferma l’ultima dichiarazione di deposito.

All’inizio di quest’anno, Pitchford è stato coinvolto in un’altra disputa con l’ex vice presidente di Gearbox (e la voce originale del Claptrap di Borderlands), David Eddings. Dopo che Pitchford lo ha definito “amaro e scontento”, Eddings ha accusato il CEO di Gearbox di averlo aggredito fisicamente nella hall di un hotel durante il GDC 2017, insieme a numerose altre accuse.

Lunedì, prima della presentazione ufficiale di Callender, la Corte d’appello del quinto circuito della contea di Dallas ha negato la richiesta di assistenza di Gearbox. La società ha sostenuto che “il tribunale ha abusato del suo potere discrezionale annullando numerose obiezioni alle richieste di produzione di documenti e convincente produzione di determinati documenti”. La corte d’appello ha dichiarato che Gearbox “non ha dimostrato di avere diritto al rilievo richiesto”.

Fonte: gamespot

 

About author

Andrea Panicali

Proveniente dalle onde marittime di Roma, o meglio Ostia, è un grande appassionato di videogiochi, serie tv, film e libri thriller. Cresciuto a suon di pizza, pasta e videogiochi, si è guadagnato il soprannome di Bistecca per un motivo, che non è di certo la sua snellezza. CANALE TWITCH