Netflix punta tutto sul mondo gaming: sì, ma perché?

0

Netflix Gaming – news di Valentina “AkemiMas” Malara

Netflix, nome importante nel mondo delle serie tv della nostra epoca digitalizzata, sembra star puntando fortemente sull’acquisizione dei diritti e la produzione di serie ispirate a brand famosi del mondo del gaming… Ma questo cosa significa?

 

Il colosso si era già dato da fare in questo settore con la serie di Castlevania e gli adattamenti di Minecraft Story Mode e Skylanders, ma le mosse vincenti stanno arrivando adesso!

The Witcher è un brand che fa sentire la sua imponente presenza nel campo del gaming fin dalla sua prima apparizione su PC anni or sono e che oggi è particolarmente famoso e apprezzato grazie al terzo capitolo, The Witcher 3: Wild Hunt; quest’ultimo prodotto di CD Project RED è stato il punto di approdo di un gran numero di giocatori che, avvicinatisi alla saga tramite esso hanno poi scoperto la serie di libri dai quali il gioco prende ispirazione. In un momento di così forte trasporto verso l’opera di Sapkowski, Netflix giunge quindi provvidenzialmente ad offrire alla rinnovata fanbase una serie tv basata proprio su questi fantomatici libri e beh, mossa più azzeccata di questa dubitiamo ci sia. La realizzazione del prodotto sarà poi ovviamente da valutare, ma i riflettori sono già tutti puntati sul cast, l’adattamento in sé e l’atmosfera che, al momento, paiono perfetti.

Ma Netflix non ha in cantina solo le vicende dello strigo: si vocifera infatti anche una serie animata di Cuphead, gioco amato e odiato (per via degli infiniti controller che ci ha fatto rompere) da molti videogiocatori e rimasto impresso soprattutto per il suo stile visivo che, sfruttato da un colosso come Netflix, potrebbe trovare la sua massima espressione!

Se Cuphead strizza l’occhio anche ad un pubblico di più piccini, la fanbase adulta del servizio di streaming non deve temere una carenza di contenuti; Diablo e Devil May Cry sono due nomi grossi, importanti e violenti su cui Netflix sembra intenzionato a puntare molto a breve: realizzare delle serie con alle spalle demoni, esseri satanici di vario genere e creature mostruose non sarà certamente facile, richiederà tanto budget e tanti sforzi, ma se i rumor sono veri e Netflix fa bene questo lavoro … pensate a quanti gamer migreranno sulla piattaforma per prenderne visione!

Ma non è solo Neftlix ad adattare delle opere videoludiche, ma anche le opere videoludiche si preoccupano di adattare le serie Netflix! Basti pensare a Strangers Things 3: The Game, recentemente rilasciato per accompagnare la visione della terza stagione, oppure The Dark Crystal: Age of Resistance Tactics che seguirà l’omonima serie.

Riproponiamo quindi la domanda iniziale: perché Netflix è così interessato al mondo del gaming? La risposta potrebbe trovarsi nei dati economici, come sempre.

Il settore videoludico è quello con il maggior profitto del 2018 per quanto concerne l’ambito dell’intrattenimento, con ben 38.8 miliardi di dollari in più generati rispetto all’anno precedente e Netflix, a dispetto di quanto si pensi, non è poi così “ricco”: in relazione al 2018 infatti, la piattaforma è scesa da 380 milioni incassati ai 287 dello stesso periodo preso in esame quest’anno… un perdita considerevole, se ci pensate. 

Unire quindi gli introiti di un settore fiorente come quello del gaming ad un’ottima cifra incassata da Netflix grazie alle serie su licenza e, in particolar modo, a quelle originali, potrebbe portare il colosso ad un guadagno nettamente superiore nel corso dei prossimi anni.

Ricordiamo inoltre che Netflix punta ad attirare in particolar il pubblico americano che, oltre ad essere il suo audience “natale” è anche il pubblico maggiormente fruitore di videogiochi…

Cose ne pensate? Fa bene Netflix ad investire in questo settore? Prendereste visione delle serie citate sopra? Fateci sapere la vostra!

Fonte: switchedongamer.com

 

About author

Valentina Malara

Amante di videogiochi e libri fin dalla nascita, ha poi sviluppato una grande passione per tutto ciò che è nerd. Originaria della terra del bergamotto e del piccante, vanta radici nordiche niente male e ha una passione irrefrenabile per il mondo animale. Logorroica e amante delle discussioni costruttive, datele un argomento di conversazione a vostro rischio e pericolo!