Quando il conto corrente va in rosso per colpa di… Fifa!

0

Conto corrente Fifa – news di Andrea “Kobla” Panicali

Quattro bambini hanno speso circa £550 in tre settimane comprando pacchetti giocatore per giocare a Fifa online sulla Nintendo Switch della famiglia.

 

Conto corrente Fifa – Profondo rosso…

In Fifa, i giocatori speciali possono essere acquistati tramite pacchetti, ma il contenuto di questi viene rivelato solo dopo il pagamento. Il padre dei bambini, Thomas Carter, aveva comprato un singolo pacchetto per circa £8 e non si era reso conto di esser stato visto mentre aveva effettuato l’acquisto.

Nintendo ha accettato un rimborso completo alla sventurata famiglia ed ha rimosso i giocatori acquistati. Questo perchè, mentre Fifa è pubblicato e venduto da Electronic Arts, i pagamenti sono stati effettuati tramite l’account Nintendo della famiglia.

Il signor Carter, dell’Hampshire, ammette di non aver preso tutte le precauzioni per limitare l’accesso al proprio account Nintendo ai suoi figli: non ha usato una autenticazione a due fattori e le ricevute via e-mail sono state inviate a un vecchio indirizzo di posta elettronica. Non proprio il massimo della furbizia. “Non ho mai pensato che i bambini lo avrebbero fatto”, ha detto. Lui e sua moglie si sono resi conto di quello che era successo quando la loro carta è stata rifiutata perché il loro conto in banca era VUOTO.

“Paghi £40 per il gioco, che sono molti soldi a prescindere da tutto, ma poi l’unico modo per ottenere una grande squadra è essenzialmente il gioco d’azzardo”, ha detto, riferendosi a FIFA. “Hanno speso £550 e ancora non hanno mai avuto il loro giocatore preferito, Lionel Messi.”

EA, che possiede Fifa, ha rifiutato di commentare, ma ha fornito un link alle sue linee guida sul controllo degli acquisti in-game.

Nel 2018, Eurogamer ha pubblicato un’intervista con un giocatore di Fifa che ha scoperto di aver speso €10.000 (£8.000) in due anni. Ha detto nell’intervista che “non ne vale la pena”. Un nuovo rapporto pubblicato dall’organizzazione Internet Matters ha rilevato che il 26% di 2.000 genitori di ragazzi tra i quattro e sedici anni erano preoccupati della quantità di denaro che i loro figli stavano spendendo per gli acquisti in-game.

L’amministratore delegato Carolyn Bunting ha affermato che è importante che i genitori ricordino di proteggere le password dei loro account o i numeri dei Pin, e anche di avere discussioni regolari con i bambini su cosa è gratuito nei giochi e cosa sia a pagamento.

L’anno scorso il Belgio ha vietato la vendita di loot-box nei videogiochi. A giugno, Kerry Hopkins, vice presidente dei giochi EA, ha dichiarato ai parlamentari inglesi che l’acquisto delle box era “abbastanza etico e divertente”, confrontandolo con i Kinder Sorpresa, Hatchimals e LOL Surprise. Il Prof. Andrew Przybylski, direttore della ricerca presso l’Oxford Internet Institute, ha affermato che sono necessari ulteriori dati per valutare l’impatto degli acquisti. “I bottini e gli acquisti in-app presentano per i genitori una nuova frontiera di sfide”, ha detto alla BBC. “Anche se l’acquisto delle box può sembrare gioco d’azzardo, non sapremo quali sono i loro effetti fino a quando queste aziende non inizieranno a condividere i loro dati con scienziati indipendenti. Non ci sono prove che effettivamente sia gioco d’azzardo, ma il fatto stesso che non abbiamo dati concreti dovrebbe destare preoccupazione.”

Fonte: bbc

 

About author

Andrea Panicali

Proveniente dalle onde marittime di Roma, o meglio Ostia, è un grande appassionato di videogiochi, serie tv, film e libri thriller. Cresciuto a suon di pizza, pasta e videogiochi, si è guadagnato il soprannome di Bistecca per un motivo, che non è di certo la sua snellezza. CANALE TWITCH