Immagini dal set della serie di The Witcher di Netflix: location misteriose e suggestive

0

Set The Witcher Netflix – news di Pietro “OnlyApples” La Selva

Essendo una serie fantasy, The Witcher vanta un sacco di location meravigliose, quasi mistiche. Pur essendo ambientata in uno scenario molto simile all’est-europa, alcuni posti potrebbero risultare molto difficili da ricreare.

 

E’ anche questa una delle sfide che Netflix dovrà affrontare con l’adattamento a serie TV di The Witcher. Ed a giudicare dall’ultima foto trapelata direttamente dal set dello show, sembra prendere sul serio la questione.

Come potreste già sapere, lo show è girato principalmente in Ungheria, nazione in cui sono state già filmate molte altre serie e film fantasy. Purtroppo dal set ungherese della serie non ci sono stati tanti leak quanti quelli provenienti dalle sessioni di filming in Spagna ed in Polonia. Nonostante ciò, il sito ungherese Kemma ha postato diverse foto di un set che comprende un castello evocativo, ben due lune e ciò che sembrerebbe essere una fitta nebbia.

Chiaramente, non è il primo castello ad essere inserito all’interno della serie, e probabilmente non sarà l’ultimo. Solo un mese fa, venivano fatte delle sessioni di filming nel Castello Vajdahunyad, a Budapest. Dato il setting fantasy della serie, era prevedibile aspettarsi cose di questo genere, ma è un bene vedere che Netflix sembrerebbe non star badando troppo a spese e sta effettuando un’oculata ricerca delle location giuste per ricreare l’atmosfera magica della serie.

The Witcher” dovrebbe debuttare più avanti nel corso del 2019. Al momento non c’è una data precisa, ma sappiamo che la prima stagione sarà composta da 8 episodi. Inoltre, non vi è ancora un trailer ufficiale, ma dato che le riprese dovrebbero terminare nel giro di due mesi, questo potrebbe presto cambiare.

Vi invitiamo a continuare a seguirci per ulteriore notizie sulla serie libraria, videoludica e televisiva di The Witcher!

Fonte: ComicBook.com

About author

Pietro La Selva

Il suo vero nome è Pietro, è del '94 ed è appassionato di videogiochi e di altre forme di intrattenimento, come film e libri, soprattutto a tema fantascientifico. Insomma, il classico nerd ma senza il QI sopra la media. Si nutre di mele pixellose quasi ogni giorno, che di certo non gli levano il medico di torno.