I “bambini infetti” di Days Gone accendono la polemica!

0

Bambini Infetti Days Gone – news di Valentina “Akemimas” Malara

La presenza di “bambini infetti” in Days Gone ha inevitabilmente posto al centro della scena videoludica un interrogativo: potranno essere uccisi, richiamando quindi tutta la questione “morale” annessa?

Il mondo costruito da Sony Bend è brutale e oscuro, caratterizzato da pericoli ad ogni curva e da un virus implacabile che colpisce, ovviamente, anche i bambini

I Newts (infanti infetti) saranno tra i nemici del gioco e benché non siano aggressivi come la controparte adulta, sono comunque pericolosi e si presume sarà necessario ucciderli. Emmanuel Roth afferma però che non siano bambini, ma “creature più piccole” inserite per differenziare i nemici presenti in-game. 

Sono particolari, interessanti: hanno paura dei Freakers più alti e si proteggono salendo sui tetti, dai quali si lanciano quando Deacon presenta una salute bassa per poterlo aggredire” aggiunge.

Crediamo tuttavia che ci sia del “buonismo” di fondo, volto a giustificare la scelta di proporre creature simili, poiché quando dichiarato da Roth risulta in contrasto sulle precedenti dichiarazioni di Sony Band (che li definì infetti adolescenti) e con lo stesso termine “newt”.

Probabilmente sapremo dare un verdetto su queste creature solo al rilascio di Days Gone, previsto per il 26 Aprile in esclusiva su PS4!

Fonte: comicbook.com

About author

Valentina Malara

Amante di videogiochi e libri fin dalla nascita, ha poi sviluppato una grande passione per tutto ciò che è nerd. Originaria della terra del bergamotto e del piccante, vanta radici nordiche niente male e ha una passione irrefrenabile per il mondo animale. Logorroica e amante delle discussioni costruttive, datele un argomento di conversazione a vostro rischio e pericolo!