Conqueror’s Blade – Anteprima – PC Windows

0

Conqueror’s Blade – anteprima di Andrea “Kobla” Panicali

Immaginate un campo di battaglia con decine di giocatori divisi in due fazioni; ogni giocatore controlla un piccolo esercito, capeggiato da un generale, che dovrà darsi battaglia per conquistare o difendere un castello. Questo è Conqueror’s Blade, titolo della Booming Games che sembra fondere Total War e For Honor.

Questo titolo mira a far rivivere al giocatore le esperienze e le emozioni provate in altri giochi, sempre in chiave RealmVsRealm ed MMO con battaglie epiche, assedi distruttivi a fortezze inespugnabili (sulla carta).

La versione provata da noi era una Closed Beta, poi divenuta Open Beta dopo qualche giorno, quindi molto lontana dalla release ufficiale del gioco; per tale motivo non ci saranno giudizi espressi in votazioni, ma solo sensazioni positive e/o negative riguardo Conqueror’s Blade.

Durante il primo avvio il giocatore potrà scegliere il generale che andrà ad impersonare sul campo di battaglia, comprese alcune sue caratteristiche. Ciò, fortunatamente, non sarà irreversibile, perchè sarà possibile creare altri generali; le motivazioni dietro questa scelta risiedono dietro una rigiocabilità abbastanza elevata e varietà nella stessa, perchè sarà possibile scegliere un generale armato di spada, picca, balestra, arco, archibugio… Ognuno con un suo particolare setup di armature ed armi in maniera tale da permettere al giocatore di provare molteplici varianti di gioco.

Creato il personaggio approderemo in una città dove ci verranno affidate le prime quest e faremo i primi tutorial del gioco, tra cui quelli relativi agli ordini da dare al proprio esercito.

Se la creazione del generale ci avesse creato problemi per la vasta scelta, quella dell’esercito lo sarà ancora di più.

Non si avrà alcun tipo di restrizione sul tipo di esercito da portare in battaglia, fino ad un massimo di quattro a schermaglia, e la scelta potrà ricadere su undici tipi di truppe con altrettante sottocategorie per ognuna di esse. Senza considerare che, come ogni MMO che si rispetti, guadagnerà sia esperienza il generale sia l’esercito, permettendo quindi l’acquisizione di “abilità” e nuovi equip ad ogni livello.

Per capire meglio il funzionamento, per fortuna, ci vengono in aiuto i tutorial presenti nel mondo di gioco ed obbligatori, altrimenti per un novizio risulterebbe veramente complicato capire il sistema di armamento degli eserciti, reclutamenti, levelling, equip, battaglia e via discorrendo.

Conqueror’s Blade si presta ad essere un mondo veramente vasto, forse troppo, e gli sviluppatori promettono che i server potranno gestire fino a 20’000 giocatori in contemporanea.

Pensate una battaglia campale con 20’000 giocatori ed armate annesse!

In questo viene in aiuto un’eccellente fluidità di gioco, ottimizzato in maniera veramente buona, pur essendo solo una versione molto anticipata di quello che si vedrà nella release.

Il motore grafico CHAOS fa ottimamente il suo lavoro e non sono stati riscontrati problemi, se non relativi ad un paio di crash dovuti ad ottimizzazioni in game dei server. I controlli sono gestiti molto bene e non si rischia mai di dare un ordine sbagliato all’esercito per un “missclick” essendo divisi in due categorie logiche.

Conqueror’s Blade è un gioco veramente vasto, in tutto e per tutto, per tale motivo non risulta essere facilmente intuibile, rischiando un giudizio negativo per via della sua non immediatezza, ma è senz’ombra di dubbio un gioco molto valido e divertente, soprattutto in compagnia.

L’unica cosa da fare è aspettare la release ufficiale, metterci le mani sopra e vedere come i ragazzi di Booming Games abbiano lavorato.

Trovate la pagina Steam del gioco qui: https://store.steampowered.com/app/905370/Conquerors_Blade/ 

Il sito ufficiale è invece: https://conquerorsblade.com/

Ecco la live Anteprima del gioco, per farvi un’idea più precisa di quanto detto nell’articolo!

About author

Andrea Panicali

Proveniente dalle onde marittime di Roma, o meglio Ostia, è un grande appassionato di videogiochi, serie tv, film e libri thriller. Cresciuto a suon di pizza, pasta e videogiochi, si è guadagnato il soprannome di Bistecca per un motivo, che non è di certo la sua snellezza. CANALE TWITCH