Last Year: The Nightmare – Recensione – PC

0

Last Year: The Nightmare – recensione di LaraPadawan

Il nuovo Dead by Daylight misto a Friday The 13th? Le similitudini ci sono tutte… L’horror di Natale è arrivato, e lo abbiamo completato in due ore, divertendoci nonostante il titolo sia molto poco longevo, stiamo parlando di: Last Year: The Nightmare, gioco cooperativo, in prima persona, sviluppato dai ragazzi di Elastic Games, che ringraziamo per averci dato l’opportunità di provarlo.

Last Year: The Nightmare – la trama

Abbiamo giocato il titolo per due ore in live e lo abbiamo completato, impersonando prima gli studenti della East Side School e poi i killer. Last Year: The Nightmare si svolge la notte di Halloween del 1996, il nostro compito è quello di aiutare un gruppo di studenti a scappare dalla scuola, cercando di sopravvivere e lottare contro il killer di turno. Oppure impersonare uno dei 3 serial killer disponibili ed impedire ai 5 ragazzi di uscire vivi dal campus!

Siamo quindi di fronte ad un titolo cooperativo multiplayer asimmetrico, come il già citato Dead by Daylight o come Left 4 Dead ad esempio, con visuale in prima persona e tanto tanto gore…

Last Year: The Nightmare – Promette bene ma al momento offre poco

La location come detto è la East Side School e siamo nel 1996, la scuola si divide in 3 mappe giocabili: La Palestra, La Torre dell’orologio e La biblioteca, dove 5 studenti devono completare delle quest, raccogliendo ciò che serve per uscire, tipo taniche di benzina oppure marchingegni da posizionare per aprire passaggi.

In tutto questo bisogna quindi cercare di sopravvivere e scappare dalla scuola, raccogliendo materiali utili a craftare oggetti per difendersi dal killer o migliorare il proprio equipaggiamento a seconda della classe che si impersona in quel momento. 

Al contrario potrebbe capitare di essere il serial killer e quindi spetterà a noi il compito di non lasciarci sfuggire gli studenti, uccidendoli in malo modo.

Gli studenti Chad, Troy, Nick, Amber e Sam, si dividono in 4 classi: Tecnico, Scout, Medico e Tank, tutti con le loro armi o strumentazioni utili, da utilizzare in game, per aiutare il gruppo a difendersi e fuggire dal campus.

Mentre chi sarà il prescelto ad impersonare il killer avrà a disposizione 3 brutti ceffi da poter scegliere per uccidere i malcapitati studenti, tutti e tre con delle caratteristiche e delle abilità diverse.

Ogni volta che un killer viene ucciso dagli studenti, il giocatore potrà scegliere il nuovo killer da impersonare. 

I serial killer come detto sono 3, ed hanno tutti e tre le loro caratteristiche, se uno è possente e molto forte, ci ucciderà a mani nude sbattendoci a terra più e più volte, l’altro ci prenderà al lazzo con una catena e ci strangolerà malamente, mentre il terzo ci infilzerà con un coltello affilatissimo più e più volte!

Tutti i killer possono teletrasportarsi fino agli studenti, e possono lasciare varie trappole sparse per la mappa di gioco, così da intralciare la ricerca degli oggetti per la fuga dei poveri studenti.

Per impersonare il serial killer ogni giocatore in lobby può prenotarsi, ma è il gioco in modo randomico che sceglierà il prescelto tra tutti, mentre per impersonare i 5 studenti la scelta spetta a noi, così come la classe.

Fin qui le basi per un ottimo gameplay ed una storia accattivante ci sono tutte, ma…

I contenuti sono veramente pochi, le location sono solo 3, di conseguenza i piani di fuga sono solo 3, il gioco non è longevo, noi in due ore abbiamo provato le tre mappe, gli studenti, i killer e i due piani di fuga, più e più volte.

Le basi ci sono ma sicuramente il titolo va riempito di contenuti, e pare sarà così già nel corso del 2019; infatti gli sviluppatori hanno garantito supporto totale post-lancio al gioco, volutamente pubblicato cosi, per rilasciare più avanti nuovi contenuti ed estendere poi il titolo ad altre piattaforme.

Noi ci auguriamo in tempi brevi, perchè in questo momento, per quel che offre il gioco, il prezzo di lancio 27,99€ ci sembra veramente eccessivo.

Trovate il titolo nel nuovo Store di Discord, non ci sentiamo di consigliare la spesa a meno che non siate pronti a tanta, tantissima ripetitività, avendo appunto solo 3 location e 3 piani di fuga, vi ritroverete a rifare le stesse cose per ore ed ore, anche se potrebbe tornare utile a memorizzare le mappe per un futuro in cui si spera di avere maggiori scelte sia in termini di PG che di Location.

Per maggiori info vi rimandiamo al SITO UFFICIALE

Intanto se volete approfondire vi lasciamo al video della nostra live.

Last Year: The Nightmare – Recensione – PC

Last Year: The Nightmare – Recensione – PC
6.5

Editor Rating

 

LAST YEAR: THE NIGHTMARE

IN SINTESI

Last Year: The Nightmare segue il filone degli oramai famosi multiplayer cooperativi asimmetrici in stile Dead by Daylight e Left4Dead aggiungendo ben poco a quanto appena citato in termini di gameplay, ma utilizzando un livello di gore e di splatter più estremo, che sicuramente aumenta l'appeal del prodotto. Il problema principale è che sembra di stare di fronte ad una beta, con davvero troppi pochi contenuti. Al momento il prezzo pieno è forse eccessivo, ma se con il tempo i contenuti dovessero aumentare ci potremmo trovare di fronte ad un ottimo esponente di genere.

PRO

  • Ottima atmosfera horror
  • Livelli di gore soddisfacenti

CONTRO

  • Prezzo alto, pochi contenuti
Articolo a cura di Nerdream.it
Data
Titolo
Last Year: The Nightmare
Voto
31star1star1stargraygray
About author

Alessia Lara Padawan

Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!” CANALE YOUTUBE CANALE TWITCH PAGINA FACEBOOK PROFILO TWITTER