Nogalious – Recensione – PC Windows

Nogalious – recensione di Alessandro Venomus

Siete stanchi di giocare alla solita solfa fatta di videogiochi col graficone? Siete dei nostalgici della buona vecchia era 8-bit o semplicemente avete un PC alimentato a patate e cercate giochi belli ma che richiedano il minimo delle prestazioni? Better Call Nogalious.

Nogalious – Un gioco senza pietà

Nogalious è un gioco sviluppato dalla LUEGOLU3GO che si rifà ai bei tempi andati dei platform 8-bit, anche se possiamo dire che segue il filone di platform 8-bit visto su console più recenti (come ad esempio Shovel Knight). Tuttavia questo Nogalious si distingue da tutti gli altri per una sola caratteristica… La difficoltà.

Se i giochi in 8-bit sulle console di nuova generazione sono stati sviluppati apposta per essere accessibili a giocatori di ogni tipo, Nogalious invece propone un’esperienza molto, ma molto hardcore, a tratti frustrante.

Nogalious – Storia di famiglie, supercattivi e lati oscuri

La trama di Nogalious è abbastanza semplice, tuttavia priva di buchi narrativi ma, purtroppo, afflitta da un problema insolito. I testi della narrazione sono infatti pieni di errori grammaticali (il gioco è localizzato in inglese) che non siamo riusciti a capire se siano stati inseriti volutamente, a voler simulare un dialetto o cose simili, o se ci sia stato un problema nella trascrizione delle linee di testo.

Nogalious, oltre ad essere titolo del gioco, è di fatto il protagonista di questa storia ed è il padre di Mariet.

All’improvviso Mariet viene rapita da un cattivo, chiamato Darama. Per questo, il nostro eroe attraverserà 5 mondi diversi, innumerevoli nemici e boss ad una difficoltà tipica degli anni ’80 (e molto meno tipica in questi anni) per salvare la sua amata Mariet.

Il gioco è il primo titolo di una trilogia ancora in sviluppo quindi la storia è, di per sè, incompleta.

Nogalious – Tutto può ucciderti

In Nogalious, i livelli sono composti da piccoli stages dove l’obiettivo sarà quello di trovare una chiave per andare al livello successivo.

Ovviamente tra Nogalious e la chiave ci saranno di mezzo: mostri, acqua, spine, cespugli, vuoti e via dicendo. Perciò l’impresa non è propriamente facile. Anzi, Nogalious, è quel tipo di gioco che costringerà il giocatore a ripetere il livello più volte, memorizzando i passaggi giusti per andare avanti in un “muori e ritenta” continuo.

Un altro particolare che rende involontariamente difficile il gioco sono però i bug nei livelli: spesso parti necessarie per andare avanti mancano del tutto oppure il personaggio si incastra in muri o in piattaforme, il che rende l’esperienza molto più frustrante e molto meno divertente di quanto sarebbe potuta essere.

Nogalious – Gioco da capogiro

La prima volta che si gioca si resta abbastanza storditi, specialmente se chi lo gioca è una persona non abituata a tali giochi retrò.

Vi è un problema cromatico di fondo che rende confondibili gli elementi dello sfondo con quelli dei livelli, e la cosa non è buona, visto che parliamo di un prodotto che dovrebbe fare della chiarezza la sua arma di forza, ma eliminato questo difetto c’è una buona cura nella caratterizzazione degli sprite a schermo e una buona varietà degli stessi.

Piccolo appunto va fatto all’interfaccia di gioco. Essa risulta complessa fin dalle prime battute: questa comprende livello, punteggio, vita (2 possibilità, 5 cuori ciascuna), collezionabili (suggerimenti nascosti, rocce del drago e zone segrete), gli slot delle armi (che sono 5), e delle abilità speciali, risultato forse un po’ troppo piena zeppa di contenuti… Suddividere il tutto in due sezioni, una alta ed una bassa, forse avrebbe aiutato.

Nogalious – Piccola nota di nostalgia

Una piccola nota va agli sviluppatori: la LUEGOLU3GO.

Infatti gli sviluppatori, nella loro campagna Kickstarter (di cui metterò il link alla fine della recensione), andata a buon fine nel Dicembre dell’anno scorso, hanno deciso di pubblicare anche versioni per console dei tempi andati: è stato infatti possibile ottenere la copia fisica per MSX, Commodore 64, Amstrad e Spectrum. Stanno arrivando le feels, eh?

Ovviamente insieme a questo hanno pensato a corredare il prodotto di manuali, poster, t-shirt e versioni firmate (ovviamente seguendo le regole di Kickstarter ed in base alle donazioni ricevute).

Ecco a voi il link: https://www.kickstarter.com/projects/1547112486/nogalious

Ed ecco dove potete trovarlo adesso nella sua versione definitiva che abbiamo testato: https://store.steampowered.com/app/830410/Nogalious/

Il gioco è venduto al prezzo budget di 8,19€

Alessandro Montenegro
Alessandro "Venomus" Montenegro: videogiocatore di sesta generazione, classe 2001, abitante del profondo Sud. Amante, oltre ai videogiochi, anche di film, serie TV e musica. FACEBOOK - YOUTUBE