Megaman 11 – Recensione – PC, Xbox One, PS4, Switch

0

Megaman 11 – recensione di Semplicemente Wlad – (versione testata Xbox One)

A trentun anni dall’uscita del primo Megaman, Capcom piuttosto che puntare su una collector dei capitoli più amati o una serie di remastered, decide di rilasciare per tutte le piattaforme di gioco principali (PC, PS4, XBOX ONE, SWITCH) l’undicesimo capitolo (per quanto riguarda la serie regolare) di questo gioco che tanto abbiamo imparato ad amare, e che col tempo è diventato una vera e propria icona del mondo videoludico, contando milioni di copie vendute dall’ormai lontano 1987 ad oggi… (scusate se mi sono sentito male nel rendermi conto che sono nato in quell’anno). Scopriamo tutto su questo Megaman 11!

Megaman 11 – Non è un paese per vecchi…

Non crediate che questo 11° capitolo sia un gioco adatto solo ai nostalgici, si nota come Capcom abbia cercato il bilanciamento giusto, per non scontentare i fan storici della saga, senza però precludersi nuovi videogiocatori che, casomai affascinati anche da ciò che rappresenta il personaggio per l’industria videoludica, vogliano cimentarsi in un’impresa ardua, ma ricca di soddisfazioni.

Partiamo subito col dire che questo capito è adatto a tutti. I livelli di difficoltà selezionabili, permettono al giocatore meno pratico di affrontare l’avventura senza “esplosioni coronariche” dovute all’elevata difficoltà, ma permette anche ai giocatori più esperti del brand di godere e respirare quell’aria di sfida estrema alla quale questa serie di giochi ci ha abituato da tempo immemore.

Capcom ha pensato a tutto, cambiare livello di difficoltà non vuol dire solo essere più resistente ai colpi dei nemici, o trovare un maggior numero di ricariche energetiche, ma anche avere un diverso posizionamento dei checkpoint, che consentirà al giocatore alle prime armi, superato uno schema, di non doverlo ripetere troppe volte a causa di una morte nello schema seguente.

Sembra roba di poco conto, ma è fondamentale in un titolo dove dobbiamo provare e riprovare per riuscire a superare un livello, saper piazzare correttamente i checkpoint è un ottima arma contro la frustrazione. Così come dare più vite disponibili per affrontare il livello.

Ricordiamo che le vite vengono spese per il completamento del livello ed il respawn nei vari checkpoint, una volta terminate bisognerà ricominciare il livello dall’inizio, ovviamente senza perdere gli altri progressi di gioco.

Megaman 11 – Dr.Light pensaci tu…

In soccorso c’è anche il laboratorio del nostro amato Dr.Light (creatore di Megaman e altri protagonisti del gioco, a scopi pacifici).

All’interno di questo laboratorio potremo spendere la moneta di gioco, le vecchie e care viti, per acquistare potenziamenti consumabili, o vite aggiuntive.

Acquistare questi potenziamenti o comunque oggetti che ci aiuteranno in gioco, è completamente facoltativo, e in ogni caso spetterà a noi scegliere l’oggetto più opportuno per il livello che vogliamo affrontare.

Difatti come in passato ci viene data massima libertà sulla sequenza di livelli che vogliamo affrontare, e ricordando che sconfiggendo il boss acquisiremo la sua abilità, starà a noi cercare di capire, non solo eventualmente quale oggetto acquistare, ma anche quale livello affrontare prima o dopo, in base alle nostre abilità acquisite. Questo ci tornerà maggiormente utile soprattutto ai livelli di difficoltà più ardui. Ovviamente la scelta spetta solamente a noi, possiamo anche decidere di giocare il tutto senza seguire una logica propria.

Megaman 11 – Maestri del tempo!

In termini di gameplay fondamentalmente vi è stata un’unica introduzione rispetto al passato, il DOUBLE GEAR.
Una diavoleria inventata dal cattivone Dr.Wily, (ex compagno e amico del Dr.Light ma con piani malvagi nella sua mente).

Questo dispositivo ci permette di rallentare il tempo o di potenziare i nostri attacchi di fuoco, attenzione la durata è limitata, e starà a noi gestirla al meglio.

Il dispositivo si ricarica automaticamente dopo un breve periodo di tempo, ma sicuramente durante una boss fight è sempre consigliabile imparare il pattern di attacco di quest’ultimo, in modo da intuire quando utilizzarlo e quando lasciarlo a ricaricare.

Purtroppo per noi e il nostro amato Megaman (per gli amici nipponici Rock Man), anche i boss dispongono di questa tecnologia, rendendo lo scontro dinamico nel tempo, e costringendo noi a imparare il nuovo pattern di attacco che ne può conseguire.

Per il resto, nel gameplay non vi sono sostanziali novità, niente che possa stravolgere la formula classica basata su salti millimetrici e tempismo fulmineo nel far fuori il nemico.

Insomma se siete dei vecchi fan della saga vi troverete a casa.

Inutile dire che, almeno per la versione da me giocata (Xbox One), il tutto funziona senza intoppi.

Megaman 11 – E poi scese dal cielo l’Estremo!

Ci saranno otto livelli da affrontare più altri quattro bonus, per completare la modalità storia.

E se giocate ai livelli di difficoltà più impegnativi, basteranno per occuparvi un buon numero di ore.

Ma tranquilli, una volta terminato il gioco potrete cimentarvi in altre modalità, come le classifiche online, o le varie modalità sfida, che consistono nell’affrontare il livello in determinate condizioni, come ad esempio schivare i nemici invece di sparargli.

Ovviamente si sbloccherà anche un nuovo livello di difficolta, dal rassicurante nome: ESTREMO! Insomma una volta arrivati ai titoli di coda avremo ancora delle ore da poter dedicare al gioco se ci va.

Per quanto riguarda il lato tecnico il gioco è ben realizzato, il design dei livelli così come dei boss mi è piaciuto tantissimo.
Alcuni stage ricordano molto da vicino livelli del passato, strappando un sorriso a gli amanti della saga.

Insomma sia se avete i primi capelli bianchi, sia se siete giovani e aitanti (vi invidio) non dovete lasciarvi scappare questo titolo! 

Articolo a cura di Nerdream.it
Data
Titolo
Megaman 11
Voto
41star1star1star1stargray

Megaman 11 – Recensione – PC, Xbox One, PS4, Switch

Megaman 11 – Recensione – PC, Xbox One, PS4, Switch
8

Editor Rating

 

MEGAMAN 11

IN SINTESI

Megaman 11 è un ottimo compromesso tra passato e presente. Giocarlo oggi mi ha fatto capire quanto il me bambino avesse dei riflessi migliori del me “adulto” ( si l’ho virgolettato). E ammetto che prima di passare a difficoltà normale, ho affrontato di versi livelli a facile (che a dirla tutta non è neanche il livello più basso). Però mi sono anche ricordato dell’enorme soddisfazione che si prova a completare un livello con le proprie abilità che vanno via via crescendo nel tempo. Insomma questo gioco è davvero un megaman moderno senza però stravolgere il passato. Ma non crediate che il gioco basa la propria natura solo sulla difficoltà. Gli sforzi di Capcom per creare un prodotto solido si vedono e sono stati ripagati. Con questo capitolo sembra tornato a pieno lo spirito e l’anima che contraddistingueva la saga, Io personalmente continuerò a giocarlo fino all’usura dei tasti del pad, perché in un periodo dove le operazioni nostalgia sono molto presenti, questo capitolo riesce a proporre qualcosa di nuovo ma con lo spirito di un tempo.

PRO

  •  Un bilanciamento perfetto tra passato e presente
  • Ottima rigiocabilità
  • Diverse modalità che vi intratterranno anche dopo i titoli di coda
  • MEGAMAN!

CONTRO

  • Se pur apprezzata, non mi sarebbe dispiaciuta qualche novità in più nel gameplay
  • Tecnicamente anche se apprezzo il design, graficamente si poteva dare di più
  • Manca qualche personaggio storico
About author

Semplicemente_Wlad

SemplicementeWlad - E' un trentenne fagocitatore di videogame, in continuo vagare tra presente, passato e futuro. Amante del retrogaming, ma allo stesso tempo alla continua ricerca di nuove idee e mondi da esplorare, sia nel panorama indie che AAA videoludico. Appassionato di Horror e Avventure in ambito videoludico, cinematografico e letterario. Lavora da anni nel mondo dell'informatica, rendendola parte stessa della sua vita. CANALE TWITCH - CANALE YOUTUBE - GRUPPO TELEGRAM