Shaq Fu: A Legend Reborn – Il remake diventa l’antica arte del Seppuku?

16 views
0

Shaq Fu: A Legend Reborn – news di Valerio Vega

28 ottobre 1994, arriva sul mercato mondiale delle console a 16-bit uno dei peggiori giochi di combattimento della storia, si chiamava Shaq Fu ed aveva come protagonista la stella NBA  Shaquille O’Neal. In primavera arriverà Shaq Fu: A Legend Reborn, per ridare dignità ad un gioco pessimo, ma siamo sicuri che tutto questo accada? Scopriamolo insieme!

Correva l’anno 1994, gli Stati Uniti si avviavano lentamente al boom economico della fine degli anni ’90. La NBA era la lega di basket professionistico più conosciuta al mondo e tutto il mondo iniziava a conoscere Shaquille O’Neal, giovane e potente giocatore di basket, al suo secondo anno in NBA era riuscito a salvare i moribondi Orlando Magic!

A quel tempo Shaq era amato, venerato, osannato. Metti Shaq su una busta di patatine e l’America amerà quelle patatine. Metti Shaq su un rotolo di carta igienica e l’America vorrà sulle proprie chiappe solo quella morbida carta igienica. Tutto ciò che riguardava Shaq era visto con occhio diverso. 

Sfruttando la potente onda commerciale che questo personaggio era in grado di creare, Electronic Arts e Delphine Software decidono di creare un videogioco che avesse Shaquille O’Neal come protagonista!

“Un gioco di basket?” vi chiederete… “NO! Un gioco di Kung-Fu!” vi risponderemo.

Nella trama del gioco, Shaquille O’Neal si aggira in un dojo di Kung Fu mentre viene a conoscenza di una partita di basket di beneficenza a Tokyo in Giappone. Dopo aver parlato con un maestro di kung fu, si imbatte in un’altra dimensione, dove deve salvare un ragazzo di nome Nezu dalla diabolica mummia di Set – Ra.

Basterebbe solo la trama a far capire anche al più stupido degli esseri viventi che questo gioco doveva essere una cagata pazzesca! Ma questa trama insulsa non bastò!

La rivista Game Pro in America diede alla versione SNES un voto di 80/100! La rivista Game Players diede al gioco un ricco 78/100! Cavolo c’era Shaq! Non poteva essere brutto!

C’è anche da dire che, se la versione per Mega Drive era brutta, quella per Super Nintendo, priva di numerosi personaggi e livelli, era ancora più indegna di definirsi “picchiaduro a incontri”.

Ma la cosa bella fu che non solo l’America era affetta dalla ShaquilleO’NealMANIA!

La rivista italiana Super Console infatti diede al gioco un ricchissimo 79! Ricchissimo perchè il voto fu abbassato solo per la scarsa longevità, ma per il resto fu definito quasi “perfetto”… E ne abbiamo le prove!

 

Veniamo ad oggi… 22 Febbraio 2018. Il boom economico americano è finito da un pezzo. Shaquille O’Neal non è più adorato dal popolo e la NBA è seguita da 1 decimo delle persone che negli anni ’90 seguivano la NBA. Guardando indietro, i cittadini degli Stati Uniti si rendono conto di quanto terribili siano stati in realtà alcuni dei successi di Shaq.

La critica moderna considera infatti Shaq Fu come uno dei peggiori giochi di combattimento della storia a 16-bit per via di comandi ingestibili e di una giocabilità ai limiti del ridicolo, unita alla longevità irrisoria. In America hanno addirittura creato un sito internet “Il Fronte della Liberazione da Shaq Fu” che ha come obiettivo quello di comprare tutte le copie in giro per il mondo del gioco per distruggerle e liberare la loro nazione da quell’onta videoludica (E’ tutto vero… il sito è QUI), ma se pensavamo di poterci dimenticare del gioco in questione ci sbagliavamo di grosso!

Si perchè nel 2014 un Indiegogo avviato da Shaq stesso ha richiesto $ 450.000 per far sì che un remake del gioco si concretizzasse. Mentre la gente era scioccata dal fatto che ciò fosse persino possibile, c’era abbastanza interesse per mantenere a galla il progetto. Tuttavia, dopo la campagna di successo, non abbiamo mai sentito più nulla a riguardo, sperando di essere salvi, sperando che la gente perdesse i soldi investiti… Fino ad ora.

Pochi giorni fa infatti è arrivato l’annuncio! Al progetto, finanziato con successo su Indiegogo, si è unito infatti il publisher Wired Productions, che consentirà a Shaq-Fu: A Legend Reborn non solo di approdare negli store digitali, ma anche di arrivare nei negozi in formato retail!

Shaq-Fu: A Legend Reborn ha finalmente una finestra di lancio: sarà disponibile in primavera su PC, PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch, ma il vero problema è che il trailer di lancio lascia davvero perplessi… 

Siamo prossimi ad un raro esempio di gigantesco Seppuku? (termine giapponese che indica un rituale per il suicidio in uso tra i samurai, anche noto come Harakiri – ndr)

Lo scopriremo solo vivendo, ma se il buongiorno si vede dal mattino… Allora buonanotte!

Diteci la vostra nei commenti!

About author

Valerio Vega

Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo commodore64” - PAGINA FACEBOOK - CANALE YOUTUBE - PROFILO TWITTER - CANALE TWITCH