Hello Neighbor – Recensione – PC, macOS, Xbox One

Hello Neighbor è un videogioco stealth “survival horror” uscito l’8 Dicembre 2017 e sviluppato da Dynamic Pixels, disponibile per PC, macOS e Xbox One. Scopriamo di cosa si tratta nello specifico in compagnia della nostra LaraPadawan, che lo ha testato per noi insieme alla sua fidata Ninny! Intanto beccatevi la loro live dedicata; sotto invece trovate la recensione…

UN NUOVO SERIAL KILLER DI QUARTIERE?

Stiamo giocando beatamente col pallone come qualsiasi ragazzino farebbe, ad un certo punto la palla salta giù per la via, la seguiamo per recuperarla e ci troviamo davanti ad una casa dove sta succedendo qualcosa di molto strano. Attraverso la finestra del vicino in questione, lo vediamo mentre sottomette una vittima urlante e la trascina via (anche se in realtà la vittima non la vediamo eh, ne sentiamo solo le urla). Scattiamo di corsa per osservare meglio e, sbirciando da un’altra finestra, vediamo il tizio mentre chiude la porta di una stanza addirittura con un lucchetto.

Cosa avrà combinato? Cosa fare in una situazione del genere? Chiamiamo la polizia? Ma no, che domande! Mi sembra molto più intelligente entrargli in casa!

SALVE VICINO!

Durante le nostre privatissime indagini per capire cosa nasconde il vicino, mi accorgo quasi subito che è in grado di notare i cambiamenti nella sua casa. Se un oggetto è stato spostato il vicino capirà che è successo qualcosa e inizierà a cercarci come se non ci fosse un domani.

Sarà in grado di imparare i nostri nascondigli preferiti, o di intuire le nostre strade di movimento privilegiate, per piazzare li trappole o telecamere. Questo punto di forza diventa però un punto debole nel momento in cui ci rendiamo conto che la difficoltà del titolo, piuttosto che aumentare con l’avanzare del gioco, non fa che diminuire. Ogni capitolo presenta una casa più grande, più dettagliata e con più piani da esplorare. Questo significa che all’inizio del gioco, con una casa piccolina, è molto più facile e frequente per noi essere scoperti, e questo a mio avviso, non porta solo ad un equilibrio errato della difficoltà, ma anche ad un inevitabile sparizione di quell’ansia da gioco horror nell’essere scoperti.

NASCONDINO CHE PASSIONE…

Se la questione “nascondino” è infatti molto interessante e originale, non si può dire lo stesso per la risoluzione degli enigmi, che sono a dir poco assurdi e privi di logica.

Per quasi la totalità di Hello Neighbor ci ritroveremo a dover interagire con oggetti i quali poi dovranno essere utilizzati in certi posti o con altri oggetti a loro volta, ma con risoluzioni decisamente casuali. Non c’è una vera e propria logica per la quale un enigma possa essere risolto a mente o con un colpo di genio, ma il tutto sarà affidato al caso, a volte diventa anche frustrante, e porta via un sacco di tempo, un po come se il gioco fosse stato creato per essere risolto da una community piuttosto che da un singolo giocatore, che inoltre sarà costretto a perdere giorni o anche settimane dietro un singolo tentativo di utilizzare ogni oggetto con ogni altro oggetto o luogo del gioco. Sembra assurdo ma è cosi!

QUALCOSA NON TORNA

Lo stile grafico non è male risulta divertente e simpatico, proprio per questo azzera del tutto quella componente horror, che però se non sbaglio dovrebbe essere alla base del gioco.

Il comparto audio è poco incisivo e ciò non aiuta ai fini pratici, perchè con l’andare avanti dell’avventura si finisce per arrivare al punto in cui non si sa se continuare a provarle davvero tutto per risolvere gli enigmi o dare un taglio alla nostra esplorazione.

Inutile dire che è un vero peccato perchè il gioco, se fosse stato sviluppato diversamente sotto alcuni aspetti, grazie al suo stile riconoscibilissimo e a qualche idea innovativa avrebbe potuto dire la sua nel settore dei “survival horror”.

REQUISITI DI SISTEMA PER VERSIONE PC

Sistema operativo: Windows 7 o superiore
Processore: i5 o superiore
Memoria: 6 GB di RAM
Scheda video: GTX 770 o superiore
Memoria: 5 GB di spazio disponibile
Scheda audio: Stereo

Articolo a cura di Nerdream.it
Data
Titolo
Hello, Neighbor!
Voto
31star1star1stargraygray

Hello Neighbor – Recensione – PC, macOS, Xbox One

Hello Neighbor – Recensione – PC, macOS, Xbox One
62%

Editor Rating

 

HELLO NEIGHBOR

IN SINTESI

Un survival horror stealth, poco horror e molto survival, che se inizialmente sembra convincere grazie ad una meccanica rodata ma efficace, con qualche spunto interessante, finisce per perdersi nella casualità totale dei suoi enigmi e dell'incedere degli eventi, perdendo totalmente quello che serve ad un survival horror per riuscire, ovvero quella tensione generale che stimola ad andare avanti nei livelli fino alla fine. Il comparto audio scarno e quello grafico troppo cartoon e spesso spoglio di dettagli, finiscono per completare l'opera, rendendo il gioco "un'occasione persa" per Dynamic Pixel per creare quel qualcosa che avrebbe tranquillamente potuto far breccia nel cuore degli appassionati di genere.

PRO

  • IA buona
  • Stilisticamente originale
  • Qualche idea interessante

CONTRO

  • Enigmi troppo frustranti e casuali
  • Errato bilanciamento della difficoltà
  • Comparto tecnico non eccellente

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: LaraPadawan

Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!” CANALE YOUTUBE CANALE TWITCH PAGINA FACEBOOK PROFILO TWITTER

Lascia un commento