Tomb Raider (2013) – Recensione – A spasso con Lara

Tomb Raider (2013) – Recensione – A spasso con Lara

LARA PADAWANCROFT

Vi dico fin da subito cari lettori che Tomb Raider, per me, è un qualcosa di assoluto.official-tomb-raider-2013-box-art

Insieme ad Uncharted sono due titoli che devono essere giocati almeno una volta nella vita e quindi, se non lo avete ancora fatto, rimediate!

Per la serie “Lara consiglia” e poi non dite che non vi avevo avvertito (simpaticamente parlando ovviamente!)

Torna Lara Croft e lo fa in una veste totalmente inedita, grazie all’operazione di Reboot di Crystal Dynamics che ne resetta il passato e la prepara per una nuova vita. Approfondiamo insieme il nuovo Tomb Raider.

GLI EROI, SI SA, NON SONO MAI TROPPO FORTUNATI

Appena uscita dalla facoltà di Archeologia e con la volontà ferrea di lasciare il segno, una giovane Lara Croft si imbarca insieme ad un gruppo di archeologi sulla nave Endurance.

Il gruppo è alla ricerca di una misteriosa isola nell’arcipelago giapponese, culla dell’impero Yamatai, nella quale sarebbe sepolta la salma della regina Himiko.

Durante il viaggio la nave si imbatte però in una tempesta. Lara e i suoi compagni finiscono per naufragare sulla costa di un’isola sconosciuta che scopriranno, ben presto, essere ricca di pericoli.

tombraider_largeTre fondamentali domande ci si pongono davanti in questa nuova avventura, che richiameranno subito la nostra attenzione: chi ha catturato, ad inizio gioco, la nostra Lara legandola in una inquietante caverna ricca di simboli rituali? Come mai tanti relitti di navi a ridosso della costa? E i relitti di aerei sulle montagne? Starà a noi scoprire tutto.

L’ARTE DI ARRANGIARSI

Square Enix e Crystal Dynamics hanno voluto rinnovare la storica serie nata nel 1996. A tale scopo hanno fatto tabula rasa di tutti gli elementi classici della serie, dalla prosperosa e aristocratica protagonista alle meccaniche di gameplay, fino alla struttura stessa del gioco.screen-shot-2013-09-10-at-17-12-11

Le prime due ore (circa) rappresentano una sorta di tutorial nel quale facciamo la conoscenza con gli elementi base del gioco: l’esplorazione ambientale, i campi base, l’istinto di sopravvivenza, il sistema di arrampicata, il recupero di materiali e munizioni dall’ambiente, il sistema di evoluzione del personaggio, gli enigmi ed il sistema di combattimento.rise-of-the-tomb-raider

Alla base di tutto c’è l’isola, che è esplorabile unicamente in maniera lineare ma che presto scopriamo essere in grado di offrirci molto di più.

Man mano che procediamo nella storia, infatti, sblocchiamo nuove aree della mappa e soprattutto sblocchiamo i Campi Base.

Questi ci daranno la possibilità di far progredire la nostra Lara e il suo equipaggiamento. Ci permetteranno di tornare in zone già visitate dove avremo la possibilità di interagire in aree inaccessibili in precedenza, vuoi per la mancanza di attrezzatura giusta, vuoi perché dovevamo progredire nella nostra avventura in un determinato modo.

ENIGMATICHE TOMBE

Non sarebbe infine Tomb Raider se non ci venissero proposti degli enigmi da risolvere.

2016-01-25_00082Non mancano infatti le aree da superare usando un minimo di materia grigia. Gli enigmi che ci vengono proposti sono tutti di tipo “fisico”, ossia ci richiedono di sfruttare le proprietà fisiche degli stessi oggetti utili per risolverli (che simpatia per me che odio gli enigmi! ndr).

Dimenticate quindi le leve da tirare, abbassare o gli ingranaggi da trovare e posizionare: in Tomb Raider avrete a che fare con casse infuocate, campane da far dondolare contro pareti o travi, contrappesi da sfruttare con il giusto tempismo e così via.

Questo tipo di enigmi è particolarmente presente nelle Tombe Segrete delle aree opzionali, sparse per l’isola, che dobbiamo trovare e risolvere per ottenere una ricompensa finale.

BELLA ANCHE SE DATATA

Direi che questa nuova Lara mi è piaciuta molto, graficamente eccellente, sistema di gioco interessante. Meno enigmi (ma più complicati rispetto al passato) a favore di più adrenalina e spettacolarità.

Unica pecca di questo titolo sono i gemiti di Lara ogni volta che corre, salta si arrampica… Un tantino eccessivi (opinione personale ovviamente).

Lo consiglio agli appassionati che non si sono mai persi un’avventura della bella Lara, per riscoprirla in questa nuova veste, che da inizio ad una rinascita in grande stile, proiettata ad un futuro sempre più denso di insidie e pericoli.

MYNERDOMETRO 7/10 nerdometronerdometronerdometronerdometronerdometronerdometronerdometro nerdometro2nerdometro2nerdometro2

laralogoLara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”

CANALE YOUTUBE DI LARAPAGINA FACEBOOKPAGINA TWITTERCANALE TWITCH

Autore dell'articolo: LaraPadawan

Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!” CANALE YOUTUBE CANALE TWITCH PAGINA FACEBOOK PROFILO TWITTER