Regali Ubisoft – Beyond Good & Evil

Regali Ubisoft – Beyond Good & Evil

Continuano i regali per i trent’anni di Ubisoft e questo mese è il turno di “Beyond Good & Evil”

UNA BUONA CIAMBELLA SENZA BUCO

Non tutte le ciambelle riescono con il buco e di sicuro Beyond Good & Evil non è un gioco riuscito del tutto.

2016-10-12-image-6Sebbene nel 2003, data della sua uscita, fu insignito del premio degli sviluppatori come miglior gioco dell’anno, a livello commerciale fu un vero buco nell’acqua.

Dietro al titolo la mente di Michel Ancel, che è il creatore del capolavoro Rayman, ma ciò non è bastato a far spiccare il volo al prodotto.

Punto di forza del gioco era senza ombra di dubbio il gameplay, vario come pochi giochi all’epoca. Un action/adventure con il plus di intere sezioni stealth, alcune prove di guida a bordo di un overcraft ed anche una sezione di gioco con tratti molto simili a quelli dei giochi di ruolo, con dialoghi e frasi da scegliere per proseguire nell’avventura.2014-02-22_00019

UNA FANTASTICA AUTO CON UN PILOTA POCO CARISMATICO

A nostro avviso il flop commerciale è invece dipeso dal “pilota” di tutto il sistema, ovvero dalla protagonista del gioco, la fotoreporter Jade.

Sebbene una volta acquistato il gioco infatti si veniva abbastanza rapiti dalla storia e dall’ottimo design dei personaggi, il problema era a monte.

jade-beyond-good-and-evil-2-504af8f53f7bb50a37cc00d7b2ef112eSi perchè Jade di accattivante ed innovativo a primo impatto non aveva assolutamente nulla ed il gioco ad una prima occhiata su uno scaffale di un negozio di videogames poteva sembrare un brutto clone di Tomb Raider ambientato nel 2435.

Forse anche lo stile cartoon ha allontanato un’altra fetta di papabili acquirenti dando al gioco una parvenza di “gioco per bambini” nonostante nella realtà dei fatti fosse tutt’altro.

LA DURA LEGGE DEL GOL

E così parafrasando il titolo della canzone degli 883 puoi essere un ottimo giocatore, ma se non la butti dentro non sei nessuno.

La stessa legge ha così finito per bruciare il gioco che ha venduto molto molto meno di quanto avrebbe meritato.

Secondo noi l’occasione per rigiocarlo è ghiotta proprio per quanto detto qui sopra, anche perchè la versione pc non sfigura nemmeno oggi e merita una chance da tutti gli amanti degli adventure/action in terza persona.

E allora cosa aspettate?

Trovate il gioco QUI!

https://club.ubisoft.com/it-IT/welcome

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: Valerio Vega

Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo commodore64”

Lascia un commento