Il Trono di Sforzi #4 – Parodia in napoletano de “Il Trono di Spade”

Il Trono di Sforzi #4 SUB-ITA – Parodia in napoletano de “Il Trono di Spade”

Siamo giunti al quarto episodio della soapopera partenopea “Il Trono di Sforzi” con le lotte intestine tra il clan del defunto Gennarino e l’indiavolata Annarella che sono arrivate alla resa dei conti!

Le novità come sempre non mancano perchè questo sarà il primo episodio con la sigla! Per non farci mancare nulla questo sarà anche il primo episodio con i sottotitoli in italiano (come Gomorra, per chi il napoletano proprio non lo mastica)!

Il Trono di Sforzi – Quarta puntata

Nel precedente episodio la casa di Annarella era sotto assedio. I picciotti della famiglia di Gennaro, per vendicare la sua morte, stavano lanciando sacchetti della spazzatura incendiari sulle mura della città.

‘O Nano, il maggiordomo, consigliava ad Annarella di scappare, prima che fosse troppo tardi, ma la biondissima Anna ne sa sempre una più del diavolo e non sembra accettare il consiglio nanico.

In questo episodio infatti la madre dei draghi sfodera nuovamente tutta la sua potenza per dimostrare alla famiglia di Gennaro che farebbe meglio a lasciarla in pace!

Il torto però è stato fatto. La “munnezza” è stata lanciata sulla città che ora versa in uno stato di degrado assoluto, con un odore nauseabondo per le strade e quindi il danno deve essere pagato con il sangue.

Chi perderà la vita tra i tre scagnozzi della famiglia di Gennaro?

Don Carlo detto ‘O Malament, Don Salvatore ‘O Spagnuolo o Don Pierino ‘O Muto?

Guardate la puntata per scoprirlo!

Vi lasciamo al VIDEO!

Non dimenticate di iscrivervi al canale e lasciare un like.

Se avete critiche, consigli o suggerimenti, commentate pure!

Alla prossima puntata…

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA NUMERO 4

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: Valerio Vega

Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo commodore64”

Lascia un commento